CIEM IMPIANTI - Ingegneria per l'ambiente  
   
 
         
 

Microbioflottazione Zootecnico

Bioflottazione Industriale

Bioflottazione Grandi impianti

Bioflottazione Grandi impianti

 

L'azienda

La CIEM IMPIANTI Srl nasce con lo scopo di creare soluzioni innovative per i problemi legati all’inquinamento delle acque e al loro trattamento grazie alla continua ricerca e all’esperienza maturata nel tempo dai suoi tecnici. È proprio grazie a questo impegno che si è giunti allo sviluppo dell’innovativa tecnologia di Microbioflottazione….

…La Microbioflottazione è una nuova tecnologia brevettata nel settore del trattamento delle acque inquinate di varia origine civile, industriale e zootecnica; questa tecnologia è un’evoluzione impiantistica del sistema di Bioflottazione, ovvero un processo relativamente recente, anche se già ben affermato, di ossidazione biologica delle sostanze biodegradabili di acque inquinate, il quale, pur avendo aspetti comuni con i metodi di bio-ossidazione tradizionali, presenta alcuni lineamenti tipici che gli conferiscono un carattere di spiccata originalità.
I primi studi relativi ad un impianto ad “ossidazione forzata” risalgono al 1978, quando l’ing. Giambattista Odobez cominciò a sperimentare un innovativo sistema di ossigenazione, ai fini della depurazione di reflui di origine mista o industriale, particolarmente refrattari ad ogni approccio di trattamento biologico. Negli anni, l’ing. Giambattista Odobez, fondatore della GB. Odobez Srl, ed i suoi collaboratori hanno progettato e realizzato decine di impianti estendendo il proprio mercato a svariati Paesi Europei ed extra Europei. Nel 1996 registra in 26 nazioni del mondo un brevetto relativo ad un impianto di Bioflottazione, dando così avvio allo sviluppo commerciale di questa tecnologia, oggi sperimentata con successo nel settore industriale ed in quello agricolo-zootecnico.

Nel 2007, a seguito della improvvisa scomparsa dell’ing. Giambattista Odobez, alcuni sui collaboratori, grazie all’esperienza maturata negli anni nel campo progettuale, di processo, di ricerca e sviluppo, in collaborazione con l’officina meccanica che da sempre ha costruito e montato questi impianti, fondano la CIEM IMPIANTI Srl, rilevano i brevetti della GB. Odobez Srl e mettendo a frutto anni di esperienza diretta in campo, in parallelo alla costruzione e conduzione dei già consolidati impianti, al fine di ottenere un diverso sistema di trattamento per alcuni tipi di refluo con vantaggi di rendimento, economia e facilità di gestione rispetto alla Bioflottazione, brevettano nel 2008 la nuova tecnologia di Microbioflottazione.

I due brevetti vengono così impiegati a seconda del tipo di refluo da trattare per ottimizzare al meglio le peculiarità di queste due tecnologie.

La tecnologia

La forza delle tecnologie brevettate di Bioflottazione e Microbioflottazione consiste nell’elevata capacità di trasferimento dell’ossigeno al refluo, nella selezione di una biomassa specifica altamente efficiente e nell’azione fisica di cracking delle macromolecole inquinanti.

Con i sistemi brevettati, all’interno delle vasche di trattamento, grazie alla strutturazione impiantistica ed alle particolari condizioni di lavoro, il refluo da trattare si espande e si polverizza, miscelandosi intimamente, in regime turbolento, con l'aria aspirata per effetto dell'espansione stessa. Ne consegue che l'ossigeno dell'aria, a contatto delle particelle di refluo in "polvere" ed in stato di forte agitazione cinetica, si discioglie nelle particelle stesse in maniera più intensa.

Grazie alla grande superficie complessiva delle particelle di refluo a contatto con l'ossigeno che si viene a formare con questi sistemi, unitamente alla forte agitazione cinetica delle particelle stesse, vengono aumentate molto utilmente le costanti di trasferimento delle varie leggi relative.

L'ossigeno disciolto nel refluo nel modo intensivo suddetto ossida completamente le sostanze inorganiche riducenti eventualmente presenti (solfiti, solfuri, ecc., con abbattimenti della tossicità per la biomassa, misurata in equitox, fino al 99%), ed innesca un processo di bio-ossidazione dell’azoto e delle sostanze organiche, incluse, almeno in parte, quelle refrattarie ai trattamenti biologici tradizionali. Il carico inquinante iniziale del refluo subisce, quindi, un sensibile abbassamento dell’azoto ammoniacale e organico, del BOD5 e del COD, con formazione in parte di anidride carbonica e di acqua, e in parte di sostanze solide flottabili, sedimentabili o filtrabili. Inoltre, negli impianti dedicati all’abbattimento dell’azoto (soprattutto per il settore zootecnico) è introdotta una fase di denitrificazione in grado di ridurre nitriti e nitrati, formatisi nella fase di ossidazione, ad azoto molecolare liberandolo nell’aria.

L'elevato rendimento dell’attività biologica è dato principalmente dalle peculiari modalità di ossigenazione (condizioni ambientali "estreme" che selezionano particolari ceppi batterici), ottenute abbinando i processi di Bioflottazione e Microbioflottazione con l'alta capacità di trasferimento dell'ossigeno, assicurata dall'impiego dei sistemi in questione.

 
         
 
 
  CIEM IMPIANTI srl
Via Torquato Tasso, 39 - 21100 Varese
Tel. +39 0332 831 776 - Fax +39 0332 319 278
info@ciemimpianti.com - P.IVA 03040480125